boss management
 

Boss Management per Assistenti di Direzione

di Dionilla Ceccarelli

Lavorare in un clima sereno e avere un buon rapporto con il capo è importante per tutti ma per le Assistenti di Direzione è il fondamento della vita professionale.

boss managementPer un’Assistente di Direzione la qualità del tempo passato in ufficio e il suo livello di stress dipendono direttamente dal rapporto con il Boss!

Il rapporto con il capo, infatti, costituisce un fattore critico di successo per la soddisfazione professionale e per il riconoscimento del valore di (Assistenti) professioniste.

Costruire una brillante relazione professionale non è un’impresa impossibile se si esprimono competenze sociali, emotive e creative ad hoc, fondamentali in tutte le relazioni “a due” il cui fulcro è la qualità dell’assistenza dell’uno verso l’altro.

Studiare Boss Management può aiutarci a instaurare rapporti professionali, capaci di conquistare il capo, ma anche di renderci più felici.

Boss Management, è una strategia per migliorare o consolidare il rapporto con il capo basata su tecniche psicologiche.

Aiuta a sviluppare l’intelligenza emotiva che sta dietro i comportamenti sviluppando una disposizione affettiva positiva che si traduce nella capacità di basare le relazioni professionali sulla fiducia, la cooperazione, il rispetto e la crescita generata dall’incontro.

Sviluppa la consapevolezza andando a ridurre in modo importante l’ansia da prestazione e lo stress lavoro-correlato in generale.

Svela i segreti dell’arte di domandare efficacemente.

Per saperne di più abbiamo chiesto ad Alessandra Bolla, classe 1970 – psicologo clinico e del lavoro, trainer e consulente aziendale per TEC – Bosch presso importanti organizzazioni internazionali.

Che cosa è il Boss Management?

Un training per creare alleanze di lavoro vincenti con il o i capi di riferimento; dove per “vincenti” s’intende ricche di soddisfazione per tutti: capo e assistente. Siamo animali sociali e le relazioni professionali “che funzionano bene” non ci semplificano solo la vita, ma la rendono più bella!

Le aree da sviluppare per costruire una brillante relazione professionale?

Per imparare a costruire con il Boss un iterazione di reciproca fiducia del ruolo e delle competenze dobbiamo sviluppare le nostri doti comunicative, mantenere un atteggiamento autorevole ma aperto, predisporci all’ascolto e all’osservazione, curare la nostra immagine e non aver paura di chiedere il feedback sul nostro operato professionale.

La comunicazione.

Per conquistare il capo è necessario innanzitutto sapersi relazionare, le relazioni sono una chiave per il successo lavorativo, oltre che per il benessere personale.

A livello emotivo, ad esempio, una buona relazione con il capo tiene bassa l’ansia e lo stress e favorisce quella lucidità mentale che consente performance eccellenti, inoltre genera eustress, stress positivo che ci motiva e sostiene nelle fasi lavorative di alto carico.

Come migliorare le nostre capacità comunicative?

Cominciare a credere che sia possibile migliorare la nostra efficacia comunicativa è il primo passo. Oggi le Neuroscienze ci incoraggiano a farlo dicendoci che la nostra potentissima corteccia cerebrale resta plastica fino a tarda età proprio nelle aree della comunicazione e della relazione.

La disponibilità

La disponibilità è importante ma bisogna stabilire delle regole.

Il tema della disponibilità attiva sempre tematiche importanti legate al rispetto e ai confini. Nel Boss Management si apprende a “costruire con” il capo una relazione di “sana e robusta costituzione” in cui sia possibile per entrambi quotare di quanta disponibilità si può usufruire reciprocamente.

Il feedback

Il feedback è fondamentale, è una sorta di bussola per orientarci al meglio e comprendere le esigenze del nostro interlocutore. Nel Boss Management impariamo a chiedere feedback al capo potenziando l’antichissima arte del Domandare.

Ascoltare Osservare

Spesso è grazie all’osservazione e all’ascolto lucido e sensibile che diventiamo preziose nell’anticipare i bisogni dell’altro, capo incluso.

Imparare a sviluppare l’osservazione partecipante ci consente un prelievo diretto, sul campo, dell’effetto e dell’efficacia del nostro agire.

L’Immagine

L’abito non fa il monaco, ma mostrare la propria professionalità anche nell’abbigliamento è essenziale.

Una recente ricerca scientifica conferma che chi si cura e mostra un aspetto piacevole guadagna di più!

E’ l’Halo Effect, l’effetto alone, le donne attente al loro aspetto emanano una specie di raggio positivo verso l’interlocutore, che è portato automaticamente a pensare che la persona sia anche intelligente, smart, produttiva, talentuosa e abbia tante buone qualità.


QUESTO ARTICOLO E’ OFFERTO DA:


Dionilla Ceccarelli

Dionilla Ceccarelliauthor

Vive a Rieti, svolge la professione di Assistente di Direzione presso un importante multinazionale. Ha conseguito il certificato internazionale di Cultura e Lingua Russa all’Università Patrice Lumumba di Mosca. Regional Business Ambassador di Secretary.it. Finalista del PREMIO ADA 2016 #secretaryday con il decalogo dell’Assistente Social & Digital.

-linkedin -twitter -facebok 8925


 

Ti è piaciuto quest’articolo?

Lascia il tuo commento in fondo alla pagina …

1,971 Visite totali, 2 visite odierne

Condividi questa pagina