Economia condivisa e rivoluzione industriale Come cambierà il mondo del lavoro?

Economia condivisa e rivoluzione industriale

Come cambierà il mondo del lavoro?

di Solco Srl

Due sono le innovazioni che si muovono parallelamente di cui conosceremo i risultati da qui a 5 anni.

Alcuni effetti sono già visibili, soprattutto nel settore dei trasporti con il car-sharing.

Ma l’impatto più forte ci sarà sulla domanda manifatturiera.

L’innovazione tecnologica che ci porterà verso sistemi produttivi automatizzati e intelligenti non solo farà calare i costi di produzione, di mantenimento della qualità e della logistica, produrrà anche, un calo sull’occupazione e sull’organizzazione del lavoro.

La perdita dei posti lavoro riguarderà, soprattutto di quelli di basso-medio livello, che verranno sostituiti dall’automatizzazione e saranno rimpiazzati con profili più qualificati.

Questa perdita sarà solo all’inizio, dopo sarà necessaria una riqualificazione ed investimento del capitale umano, indispensabile per accompagnare il capitale fisso.

L’automatizzazione e i nuovi macchinari avranno bisogno di figure specializzate che garantiscono il funzionamento.

Sono le persone a portare avanti la personalizzazione dei prodotti e intermediare sul punto di incontro fra quello che vuole il consumatore.

L’INTERVENTO DELL’EUROPA PER REGOLARE LA SHARING ECONOMY

A European agenda for the collaborative economy ha incluso alcune linee guida per orientare legalmente il tema delle policy  verso le autorità pubbliche, agli operatori del mercato e ai cittadini interessati.

Per ora sono modalità molto leggere però offrono un’analisi sulle modalità applicative delle normative europee e alcune diritte per regolamentare le attività interne.

Prima di tutto si è definita l’espressione di economia collaborativa: modelli di business in cui le attività sono agevolate dall’uso di piattaforme collaborative che producono un mercato aperto per l’uso temporaneo di beni e servizi spesso forniti da privati.

Gli aspetti chiave individuati che caratterizzano la sharing economy sono l’accesso al mercato, regimi di responsabilità, protezione dei consumatori e dello status dei lavoratori che operano sulle piattaforme e il trattamento fiscale.

Le esigenze sottolineate dalla Commissione europea soprattutto quelle in tema di lavoro richiedono un legislatore dedicato alla sharing economy.

Staremmo a vedere con quali impulsi rispondono alla commissione.


QUESTO ARTICOLO E’ OFFERTO DA:


Solco Srl

authorSolco

Solco Srl da oltre 30 anni, si occupa di formazione, consulenza e mercato del lavoro. I suoi principali clienti sono Pmi e grandi imprese, Pubbliche Amministrazioni, Parti Sociali ed Enti Bilaterali.

Le nostre principali aree di intervento, consolidate nel corso di una lunga esperienza sul campo, sono:

  • Formazione continua
  • Formazione obbligatoria e apprendistato
  • Fondi Interprofessionali
  • Servizi per il mercato del Lavoro
  • Ricerca, selezione e ricollocazione professionale
  • Pari Opportunità
  • Assistenza tecnica alla PA per l’attuazione di programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali
  • Consulenza alle Parti Sociali

site -linkedin -facebok -twitter 8201


 

Vuoi lasciare un commento?

Vai al fondo della pagina …

About Alba Sanchez Peral

Solco Srl da oltre 30 anni, si occupa di formazione, consulenza e mercato del lavoro. I suoi principali clienti sono Pmi e grandi imprese, Pubbliche Amministrazioni, Parti Sociali ed Enti Bilaterali. Le nostre principali aree di intervento, consolidate nel corso di una lunga esperienza sul campo, sono: Formazione continua Formazione obbligatoria e apprendistato Fondi Interprofessionali Servizi per il mercato del Lavoro Ricerca, selezione e ricollocazione professionale Pari Opportunità Assistenza tecnica alla PA per l’attuazione di programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali Consulenza alle Parti Sociali