Gli effetti dell’istruzione terziaria sul mercato del lavoro

Gli effetti dell’istruzione terziaria sul mercato del lavoro

Investire in istruzione, specie in quella terziaria, paga sempre

di Solco Srl

La recente crescita dell’occupazione, tornata ai livelli pre-crisi come testimoniato da una rilevazione Istat, ha interessato anche e soprattutto la fascia più giovane popolazione italiana, quella dei 20-34 anni.

Una crescita che ha e avrà risvolti interessanti in termini di competitività del sistema economico italiano.

L’ingresso nel mercato del lavoro di un maggior numero di giovani, infatti, se da un lato contribuisce all’introduzione nel sistema di competenze innovative, dall’altro aiuta una ripresa in termini di efficienza e produttività.

Quanto conta essere istruiti per entrare nel mercato del lavoro?

A sfatare il luogo comune dello “studiare non serve” interviene una ricerca dell’Inapp, che sottolinea come investire in istruzione – e in particolare nell’istruzione terziaria – paghi sempre, contribuendo a migliorare scenari e prospettive occupazionali dei più giovani.

Gli effetti dell’istruzione terziaria sul mercato del lavoro

Con riferimento all’anno 2016 e alla fascia di popolazione d’età compresa tra 20 e 34 anni, dal grafico poco sopra emerge chiaramente come livello d’istruzione e tasso di occupazione siano tra loro in un rapporto di diretta proporzionalità: infatti, al crescere del primo corrisponde un aumento del secondo.

Gli effetti dell’istruzione terziaria sul mercato del lavoro

La proporzionalità si inverte se ad essere presi in considerazione sono livello d’istruzione e tasso di disoccupazione.

Infatti, come risulta da questo secondo grafico, maggiore è il livello d’istruzione, minore è il tasso di disoccupazione.

Come evidenziato dalla ricerca dell’Inapp, l’istruzione rappresenta ancora un investimento altamente remunerativo, specie in termini di maggiori possibilità di occupazione.

Bibliografia consigliata

Solco Srl
formazione - consulenza
Solco Srl da oltre 30 anni, si occupa di formazione, consulenza e mercato del lavoro. I suoi principali clienti sono Pmi e grandi imprese, Pubbliche Amministrazioni, Parti Sociali ed Enti Bilaterali. Le principali aree di intervento, consolidate nel corso di una lunga esperienza sul campo, sono: Formazione continua Formazione obbligatoria e apprendistato Fondi Interprofessionali Servizi per il mercato del Lavoro Ricerca, selezione e ricollocazione professionale Pari Opportunità Assistenza tecnica alla PA per l’attuazione di programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali Consulenza alle Parti Sociali

Gli effetti dell’istruzione terziaria sul mercato del lavoro

Investire in istruzione, specie in quella terziaria, paga sempre