Automazione - Macchine e lavoratori- un futuro di collaborazione

Macchine e lavoratori: un futuro di collaborazione

di Solco Srl

 

Automazione: un supporto per i lavoratori

Una cosa è certa: l’automazione porterà benefici sostanziali alle aziende e alle economie di tutto il mondo. Questo, però, non succederà da un giorno all’altro. Una recente relazione del McKinsey Global Institute ha rilevato che, affinché il potenziale dell’automazione possa realizzarsi a pieno, è necessario che persone e tecnologia lavorino mano nella mano.

I recenti sviluppi nel campo della robotica, dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento automatico, ci hanno portato all’apice di una nuova era dell’automazione. I robot e i computer non solo possono eseguire una serie di attività di routine di lavoro fisico migliore e più a buon mercato degli umani, ma sono anche sempre più in grado di svolgere attività che includono capacità cognitive considerate troppo difficili da automatizzare con successo, come ad esempio l’esecuzione di giudizi taciti, l’emozione, o anche alla guida

L’automazione cambierà le attività lavorative quotidiane di tutti, da minatori e paesaggisti a banchieri commerciali, stilisti, saldatori e amministratori delegati. Ma quanto velocemente queste tecnologie di automazione diventeranno una realtà sul posto di lavoro? E quale sarà il loro impatto sull’occupazione e la produttività nell’economia globale?

Automazione: per la crescita di produttività

Il McKinsey Global Institute sta portando avanti un programma di ricerca sulle tecnologie di automazione e i loro potenziali effetti. L’automazione delle attività può consentire alle aziende di migliorare le prestazioni riducendo gli errori e migliorando la qualità e la velocità e, in alcuni casi, raggiungendo risultati che vanno al di là delle capacità umane. L’automazione contribuisce anche alla produttività, come ha fatto storicamente. In un momento di scarsa crescita della produttività, ciò darebbe un impulso necessario alla crescita economica e alla prosperità. Contribuirebbe inoltre a compensare l’impatto di una quota in calo della popolazione in età lavorativa in molti paesi. Si stima che l’automazione potrebbe aumentare la crescita della produttività a livello globale dallo 0,8% all’1,4% all’anno. 

Automazione: diversi gradi di conversione

Il giusto livello al quale analizzare il potenziale impatto dell’automazione è quello delle singole attività piuttosto che di intere occupazioni. Ogni professione include più tipi di attività, ognuna delle quali ha requisiti diversi per l’automazione. Date le attuali tecnologie, sono pochissime le occupazioni, meno del 5%, candidate all’automazione completa. Tuttavia, quasi ogni professione ha un potenziale di automazione parziale, in quanto una parte delle sue attività potrebbe essere automatizzata. Si stima che circa la metà di tutte le attività che le persone sono pagate per fare nel mondo del lavoro potrebbe essere potenzialmente automatizzata adattando le attuali tecnologie. Ciò equivale a quasi $15 trilioni di salari.

Le attività più suscettibili all’automazione sono quelle fisiche in ambienti altamente strutturati e prevedibili, come per esempio la raccolta e l’elaborazione dei dati. Negli Stati Uniti, queste attività rappresentano il 51% delle attivitàin campo economico, con un salario di quasi 2.700 miliardi di dollari. Sono prevalenti nei settori manifatturiero, ristorazione e commercio al dettaglio. E non è solo il lavoro di bassa abilità, a basso salario che potrebbe essere automatizzato; anche le occupazioni di media e alta retribuzione e di alta abilità hanno un potenziale di automazione. Poiché i processi vengono trasformati dall’automazione delle singole attività, le persone svolgeranno attività complementari al lavoro svolto dalle macchine e viceversa.

Automazione: tempi di realizzazione completa

Tuttavia, non assisteremo al completamento del processo di automazione dal giorno alla notte. Anche quando esiste un certo potenziale tecnico, saranno necessari anni prima che l’effetto dell’automazione sulle attuali attività lavorative si esaurisca completamente. Il ritmo dell’automazione, e quindi il suo impatto sui lavoratori, varierà tra le diverse attività, occupazioni e livelli di salario e abilità. I fattori che determineranno il ritmo e l’estensione dell’automazione includono lo sviluppo continuo di capacità tecnologiche, il costo della tecnologia, la competizione con il lavoro (comprese le competenze e le dinamiche della domanda e dell’offerta), i benefici in termini di prestazioni (compresi i risparmi sui costi della manodopera e l’accettazione sociale e normativa). Lo scenario suggerisce che metà delle attività lavorative odierne potrebbero essere automatizzate entro il 2055, ma ciò potrebbe accadere fino a 20 anni prima o dopo, in base a vari fattori e condizioni economiche.

Gli effetti dell’automazione potrebbero essere lenti a livello macro ma potrebbero essere piuttosto rapidi a livello micro, in particolar modo per i singoli lavoratori le cui attività sono automatizzate o per le aziende le cui industrie sono disturbate dai concorrenti che utilizzano l’automazione.

Automazione: le conseguenze

Mentre gran parte dell’attuale dibattito sull’automazione si è focalizzato sul potenziale di disoccupazione di massa, le persone dovranno continuare a lavorare a fianco delle macchine per produrre la crescita del PIL pro capite a cui aspirano i paesi di tutto il mondo. Pertanto, le stime di produttività presuppongono che le persone rimosse dall’automazione troveranno altri impieghi. Molti lavoratori dovranno cambiaree ci si aspetta che i processi aziendali vengano trasformati in relazione a questi cambiamenti. Tuttavia, la portata degli spostamenti della forza lavoro nel corso di molti decenni non è senza precedenti. È di un ordine di grandezza simile a quello della tecnologia a lungo termine che ha coinvolto la forza lavoro in cambio agricolo nei paesi sviluppati nel 20° secolo. Questi cambiamenti, comunque, non hanno portato alla disoccupazione di massa a lungo termine per una ragione bene precisa, vale a dire la creazione di nuove tipologie di lavoro. Non possiamo dire con certezza se stavolta le cose andranno diversamente. Di certo c’è che l’essere umano sarà ancora necessario nella forza lavoro: i guadagni totali di produttività stimati si potrebbero realizzare solo se le persone lavoreranno al fianco delle macchine. Ciò, a sua volta, modificherà radicalmente il luogo di lavoro, richiedendo un nuovo grado di cooperazione tra lavoratori e tecnologia.

Bibliografia consigliata

Solco Srl
formazione - consulenza
Solco Srl da oltre 30 anni, si occupa di formazione, consulenza e mercato del lavoro. I suoi principali clienti sono Pmi e grandi imprese, Pubbliche Amministrazioni, Parti Sociali ed Enti Bilaterali. Le principali aree di intervento, consolidate nel corso di una lunga esperienza sul campo, sono: Formazione continua Formazione obbligatoria e apprendistato Fondi Interprofessionali Servizi per il mercato del Lavoro Ricerca, selezione e ricollocazione professionale Pari Opportunità Assistenza tecnica alla PA per l’attuazione di programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali Consulenza alle Parti Sociali

Macchine e lavoratori: un futuro di collaborazione