Neuroscienze e Myers Briggs- approcci che trovano nella ricerca moderna un legame
 

Neuroscienze e Myers Briggs

Approcci che trovano nella ricerca moderna un legame profondo

di Monica Ghirelli – T&D

MBTI, Myers Briggs Type Indicator, è un questionario di personalità con una storia importante alle spalle ed anni di presenza massiva sul mercato degli strumenti di personalità, attualmente è il più usato al mondo per lo sviluppo del personale.

Si è mantenuto all’altezza delle nuove sfide sociali?

Da un lato vi è l’impegno continuo della Fondazione Myers Briggs ad investire nella ricerca sui significativi cambiamenti sociali, culturali e organizzativi degli ultimi anni e conseguentemente ad allineare materiali ed applicazioni mantenendo lo strumento all’altezza dei bisogni attuali.

Dall’altro lato vi è la conferma del mondo accademico circa la validità dello strumento che è stato introdotto in ricerche di profilazione dei tipi “social”.

Il prof. Dario Nardi, docente e ricercatore presso UCLA, Università della California, Los Angeles, è uno dei massimi esperti di neuroscienze.

Ha condotto e pubblicato tempo fà una ricerca interessante e complessa riguardante la correlazione tra l’attività della corteccia cerebrale ed i tipi di personalità MBTI.

Di seguito è riportato solo un breve sunto della sua presentazione, rimandando a youtube per presentazioni integrali e conferenze del prof. Nardi.

I 16 tipi di Myers-Briggs descrivono una realtà oggettuale.

Ogni tipo è come un diverso brano di una sinfonia riprodotta dal nostro cervello. Dopo aver lavorato a fondo con circa 70 soggetti, provando varie attività per due o tre ore con ciascuno, posso affermare con fiducia che le persone che si identificano con lo stesso “codice tipo” attivano regioni cerebrali simili. Ad esempio, INFP favoriscono le regioni cerebrali che controllano l’ascolto, lo scambio verbale, l’identità, e l’immaginazione. Al contrario, gli INTP favoriscono le regioni cerebrali che connettono varie forme di ragionamento, la pesatura dei rischi o incertezze. E così via per tutti i tipi. In verità, l’attività cerebrale varia a seconda del tipo. Naturalmente, ogni persona è unica. Ogni cervello che entra nei casi di laboratorio aveva una sua identità. Quando io analizzo, su sette mappe di cervello INFP, quattro mappe sono simili (85% +), mentre due sono moderatamente simili (50% -85%), e una è diversa. E’ emerso chiaramente che ogni cervello soddisfa le esigenze psicologiche del tipo di quella persona, spesso in modo simile, ma di volta in volta da una diversa strada. Questo è un indizio prezioso per capire cosa succede con gli adulti maturi. Questi circuiti probabilmente riflettono le conseguenze a lungo termine della cultura, la carriera, le relazioni e simili, così come le preferenze di tipo. Tra i giovani adulti, vi è una corrispondenza tra i livelli di attività cerebrale e dei circuiti. Usano ciò che hanno imparato. Essi si concentrano su chi sono. Per gli over 35 però il quadro cambia….”

I risultati della ricerca sono ovviamente molto dettagliati nel confronto dei 16 tipi, distribuiti per fasce d’età e sesso, quello che emerge in sintesi è quanto scientificamente documentabile sia la profilazione delle caratteristiche di personalità MBTI su diversi campioni di popolazione.

Segnaliamo diverse pubblicazioni del prof. Nardi in merito:

Dario Nardi, PhD, practitioner MBTI, EQ Reseacher, is a research fellow at UCLA and winner of two teaching awards, for innovative use of technology in the classroom and as Distinguished Teacher of the year. He is also the owner of Radiance House, a books and media publishing company. Dario has been an MBTI(R) certified type user since 1994 and is author and co-author of numerous type-related books including “Neuroscience of Personality” and “8 Keys to Self-Leadership”. His background includes Japanese, games, creative writing, and aerospace engineering.

Per conoscere come usare MBTI per lo sviluppo del personale nelle aziende, sono pianificati in Italia diversi incontri presso il Training Center MBTI.


QUESTO ARTICOLO E’ OFFERTO DA:


T&D Training & Development

author  T&D

T&D Training & Development è una società di consulenza che lavora da anni nel campo dello sviluppo del personale su temi soft, affiancando le aziende nell’individuazione, progettazione e attuazione di piani di sviluppo per il personale di tutti i livelli aziendali, negli ultimi anni T&D si è focalizzata su strategie organizzative che supportino il cambiamento, la riorganizzazione ed il riposizionamento delle risorse umane in parallelo ai cambiamenti economici e di business dei propri clienti.

Il punto di forza di T&D è la capacità di lavorare efficacemente sulle dinamiche relazionali, di qualsiasi natura siano ed a qualsiasi livello aziendale: team, livelli inter-funzionali, manager e collaboratori, reti vendita…., lo strumento che permette di gestire al meglio le differenze relazionali è MBTI rappresentato in esclusiva per l’Italia da T&D.

site -linkedin -facebok 14376


Ti è piaciuto quest’articolo?

Lascia il tuo commento in fondo alla pagina …

947 Visite totali, 2 visite odierne

Condividi questa pagina