La nuova normativa in materia di buono pasto

La nuova normativa in materia di buono pasto

Ecco le novità introdotte dal decreto ministeriale 122/2017

di Solco Srl

Di recente approvazione, il decreto ministeriale 122/2017 ha introdotto importanti ed interessanti novità relativamente alla regolamentazione del buono pasto.

Uno strumento che, da definizione presente nel nostro ordinamento, viene a configurarsi non come mezzo di pagamento ma come una sorta di voucher, cartaceo o elettronico, che attribuisce a chi ne è il titolare il godimento di una prestazione ben precisa: il servizio sostitutivo di mensa.

Vediamo ora quali sono le novità più rilevanti introdotte dal decreto:

  1. A partire dal 9 settembre, oltre che all’interno di bar, ristoranti e di tutti quegli esercizi legittimati a somministrare alimenti e bevande, è possibile spendere il buono pasto anche al mercato, presso locali di vendita a chilometro zero e agriturismi.
  2. Pur confermando il divieto di ricorrere al buono pasto per il pagamento di prodotti di natura non alimentare o di prodotti alimentari consumabili solo successivamente ad una manipolazione, l’intervento legislativo estende l’utilizzo del buono pasto anche alla fruizione di un pasto preparato o consumato a casa.
  3. Se in precedenza vigeva l’obbligo di utilizzare un solo buono pasto per giornata lavorativa (c.d. divieto al cumulo), la nuova normativa permette adesso di cumulare fino ad un massimo di 8 buoni pasto per giornata lavorativa. Una misura, questa, che va a risolvere l’annosa problematica connessa al modesto valore del buono che, solitamente inferiore a 4 euro, quasi mai era sufficiente per coprire la spesa di un pasto intero.

Bibliografia consigliata

Solco Srl
formazione - consulenza
Solco Srl da oltre 30 anni, si occupa di formazione, consulenza e mercato del lavoro. I suoi principali clienti sono Pmi e grandi imprese, Pubbliche Amministrazioni, Parti Sociali ed Enti Bilaterali. Le principali aree di intervento, consolidate nel corso di una lunga esperienza sul campo, sono: Formazione continua Formazione obbligatoria e apprendistato Fondi Interprofessionali Servizi per il mercato del Lavoro Ricerca, selezione e ricollocazione professionale Pari Opportunità Assistenza tecnica alla PA per l’attuazione di programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali Consulenza alle Parti Sociali

La nuova normativa in materia di buono pasto

Ecco le novità introdotte dal decreto ministeriale 122/2017