Verso il 2030: nuove competenze per nuovi bisogni sociali Possibili scenari futuri del lavoro
 

Verso il 2030: nuove competenze per nuovi bisogni sociali

Possibili scenari futuri del lavoro

di Solco Srl

In qualsiasi ipotesi di futuro del lavoro, le competenze richieste ai lavoratori avranno un impatto sulle forme di trasmissione del sapere, sui contenuti e sull’accesso alla formazione.

La capacità di leggere e interpretare la gran quantità di dati diventeranno sempre più necessarie.

Fondamentale sarà anche avere competenze organizzative, gestionali e capacità di negoziare e fare rete, a causa dell’ evoluzione dell’organizzazione del lavoro verso un modello per progetti.

Gli ambiente di lavoro multi-generazionali e collaborativi imporrano lo sviluppo sia di competenze relazionali e comunicative avanzate e sia di competenze specialistiche su una base di competenze generali a causa della mobilità di percorsi di carriera.

B2B Services Web Marketing per Aziende e Professionisti che operano nel settore delle Risorse Umane

Una riflessione sui cambiamenti che potrebbero verificarsi potrebbero dare luce a 4 possibili scenari futuri:

Scenario 1 – Flessibilità spinta, modesta crescita dell’economia e maggiore insicurezza per i lavoratori meno qualificati.

  • si riducono gli investimenti pubblici in formazione ma, aumentano gli investimenti delle imprese interessate allo sviluppo delle competenze;
  • accedere alle opportunità di formazione qualificata diventerà difficile perché ci sono meno risorse;

La formazione employerled non si riconoscerà in pari dignità alla formazione in contesto di lavoro, di conseguenza si amplifica la diseguaglianza tra i lavoratori.

Scenario 2 – The Great Divide

Le industrie high-tech competono con i settori non innovativi

La formazione diventa più ristretta, di conseguenza si amplifica il disallineamento fra domanda offerta che viene compensato parzialmente da fenomeni di mobilità.

Scenario 3 – Skills activism

La distruzione di posti di lavoro a causa dell’automazione spinge ai governi a investire massivamente in formazione.

Le istituzioni terziarie devono innovare e impegnarsi per fare fronte al lifelong Learning.

La domanda di lavoro viene guidata verso settori prioritari come sanità e cura.

Scenario 4 – Innovation adaptation

L’economia è stagnata nell’investimento sulle nuove tecnologie, che coinvolge la produzione e la trasmissione di contenuti sempre più spesso in modalità e-learning.

L’apprendimento sarà più home-based e work-based e la richiesta di aggiornamento sarà continua.

Questi scenari mergono da un Report inglese “The Future of Work: Jobs and skills in 2030”.

A prescindere da quale sarà lo scenario più probabile, si evincono alcune certezze: per il prossimo quindicennio tanto i governi quanto le imprese dovranno investire in innovazione di prodotto, dei processi, dei modelli organizzativi per poter inseguire il cambiamento tecnologico.

Ma soprattutto per cambiare essi, devono mettere la persona e le competenze al centro dei percorsi formativi.


QUESTO ARTICOLO E’ OFFERTO DA:


Solco Srl

authorSolco

Solco Srl da oltre 30 anni, si occupa di formazione, consulenza e mercato del lavoro. I suoi principali clienti sono Pmi e grandi imprese, Pubbliche Amministrazioni, Parti Sociali ed Enti Bilaterali.

Le nostre principali aree di intervento, consolidate nel corso di una lunga esperienza sul campo, sono:

  • Formazione continua
  • Formazione obbligatoria e apprendistato
  • Fondi Interprofessionali
  • Servizi per il mercato del Lavoro
  • Ricerca, selezione e ricollocazione professionale
  • Pari Opportunità
  • Assistenza tecnica alla PA per l’attuazione di programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali
  • Consulenza alle Parti Sociali

site -linkedin -facebok -twitter 8201


 

Ti è piaciuto quest’articolo?

Lascia il tuo commento in fondo alla pagina …

974 Visite totali, 3 visite odierne

Alba Sanchez Peral

Solco Srl da oltre 30 anni, si occupa di formazione, consulenza e mercato del lavoro. I suoi principali clienti sono Pmi e grandi imprese, Pubbliche Amministrazioni, Parti Sociali ed Enti Bilaterali.

Le nostre principali aree di intervento, consolidate nel corso di una lunga esperienza sul campo, sono:

Formazione continua
Formazione obbligatoria e apprendistato
Fondi Interprofessionali
Servizi per il mercato del Lavoro
Ricerca, selezione e ricollocazione professionale
Pari Opportunità
Assistenza tecnica alla PA per l’attuazione di programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali
Consulenza alle Parti Sociali
Condividi questa pagina

About Alba Sanchez Peral

Solco Srl da oltre 30 anni, si occupa di formazione, consulenza e mercato del lavoro. I suoi principali clienti sono Pmi e grandi imprese, Pubbliche Amministrazioni, Parti Sociali ed Enti Bilaterali. Le nostre principali aree di intervento, consolidate nel corso di una lunga esperienza sul campo, sono: Formazione continua Formazione obbligatoria e apprendistato Fondi Interprofessionali Servizi per il mercato del Lavoro Ricerca, selezione e ricollocazione professionale Pari Opportunità Assistenza tecnica alla PA per l’attuazione di programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali Consulenza alle Parti Sociali