contratto di lavoro

ADV

 

Le caratteristiche del contratto di lavoro

Lavoro dipendente e lavoro indipendente: tipologie di contratti

di Massimo BiancaTHRUST s.r.l

Prima di iniziare un rapporto di lavoro si devono definire con il datore di lavoro le modalità generali di svolgimento della prestazione lavorativa (come, ad esempio, orario, luogo di lavoro, ecc.) e alcuni aspetti che regolano il contratto (il più importante è la durata).

Su questi aspetti la normativa e i CCNL (contratti collettivi nazionali del lavoro) prevedono già una serie di possibilità alternative sotto forma di specifiche tipologie contrattuali.

In particolare, è possibile individuare sei tipologie di contratti:

  1. contratti a valenza formativa (apprendistato e, a seguito del D. Lgs. 276/2003, limitatamente alla Pubblica Amministrazione, contratto di formazione lavoro);
  2. contratti che si caratterizzano per la durata (a tempo indeterminato, a tempo determinato);
  3. contratti che si caratterizzano per un orario ridotto, modulato e flessibile (a tempo pieno, a tempo parziale, ripartito, a chiamata o intermittente);
  4. contratti che si caratterizzano per il luogo di lavoro (a domicilio, telelavoro);
  5. contratti tramite “agenzie di lavoro” contratto di somministrazione di lavoro a tempo determinato (ex lavoro interinale o lavoro temporaneo) e contratto di somministrazione a tempo indeterminato (cosiddetto staff leasing).

ADV

Ovviamente, il contratto che alla fine verrà stipulato potrà rientrare in più di una tipologia, prevedendo caratteristiche che fanno riferimento a tipologie diverse. Ad esempio, il contratto può prevedere un orario ridotto rispetto allo standard, e quindi rientrare tra i contratti a tempo parziale, ma anche non avere alcun termine di scadenza, e rientrare quindi anche tra i contratti a tempo indeterminato.

Accanto alle classiche tipologie contrattuali, esistono particolari modalità che regolamentano le attività lavorative occasionali, ovvero svolte al di fuori di un tradizionale contratto di lavoro (subordinato o autonomo) e rese in cambio di un compenso di entità limitata, che altrimenti sarebbero svolte in modo irregolare, lasciando il prestatore di lavoro privo di tutele.

***

Questo articolo è offerto da:

Massimo Bianca
Direttore Affari Legali e Direttore Operativo di THRUST Risorse Umane
Laureato in Giurisprudenza all’Università di Pisa, tesi “I Modelli Organizzativi 231/01”, ho svolto la pratica forense presso il Foro di La Spezia indirizzandomi prevalentemente in materie di diritto del lavoro, civile e penale d’impresa. Attualmente sono il Direttore Affari Legali e Direttore Operativo di THRUST Risorse Umane. Professionale e dinamico, cerco sempre di dare il 100% con impegno e dedizione.

altri articoli di questo autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.