Mercato del lavoro in Italia

ADV

 

 

Mercato del lavoro in Italia

Un’istantanea che vede le aziende sempre più impegnate a creare una cultura aziendale e i lavoratori sempre più fiduciosi nelle proprie capacità.

  • 9 intervistati su 10 (90%) si sentono sicuri nel loro attuale ruolo lavorativo
  • Più della metà dei professionisti sta considerando un cambio di lavoro nel 2022
  • LinkedIn rivela i migliori lavori in Italia, di cui la metà nel settore tecnologico

di LinkedIn

Milano, 18 gennaio 2022 – Una curva che sale e scende, rivelando l’incertezza legata alla ripresa economica del post-pandemia. Questo è il mercato del lavoro italiano del 2021, e nonostante la situazione occupazionale viaggi su una linea sottile, i dati a nostra disposizione mostrano che gli italiani guardano con una rinnovata sicurezza nuovi scenari lavorativi.

In questo contesto si trovano, da un lato, i datori di lavoro che cercano di garantire flessibilità e di adeguare i loro piani in base all’evoluzione del quadro generale e, dall’altro, i lavoratori che ancora oggi stanno cercando di destreggiarsi tra le diverse opportunità e le difficoltà che questa nuova normalità presenta.

Per adattarsi ai continui cambiamenti, la tecnologia si è sicuramente dimostrata un grande alleato. Per molti lavoratori italiani, infatti, questa li ha aiutati ad adattarsi alla nuova routine. Lavorare in modalità ibrida ha trasformato i lavoratori in persone più sicure delle proprie capacità e questa condizione li ha portati a riflettere su quali fossero veramente i loro bisogni in campo lavorativo.

Secondo una nuova ricerca di LinkedIn, questa maggiore fiducia in se stessi e nelle proprie capacità sta spingendo il desiderio degli italiani di cambiare lavoro, più della metà (54%) degli intervistati sta considerando un cambiamento già nell’anno in corso.

Il 59% dei rispondenti ha dichiarato che la maggiore flessibilità e l’opportunità di avere modelli di lavoro ibridi da parte di molte aziende sono fattori determinanti nel considerare nuove opportunità di lavoro, in aggiunta a questa percentuale vi è un ulteriore 21% che ha affermato di trovarsi fortemente d’accordo con questa affermazione. In particolare, quasi 3 lavoratori intervistati su 10 (28%) hanno affermato che la maggiore diffusione del lavoro flessibile li ha resi più fiduciosi nel pensare di provare un nuovo ruolo e in simile percentuale (30%) hanno dichiarato che grazie a questi nuovi modelli sono persino spinti a provare una nuova carriera.

Il 90% degli intervistati si sente sicuro del suo attuale ruolo lavorativo, tanto che il 63% ha maturato abbastanza sicurezza da essere spinto a chiedere una promozione o a candidarsi per un ruolo più alto rispetto a quello in cui si trova attualmente.

La pandemia ha offerto a molti l’occasione di poter ripensare ai propri desideri e alle proprie capacità, ha modificato non solo priorità e preferenze dei lavoratori ma ha fondamentalmente cambiato la percezione di cosa debba intendersi per “buon lavoro”. Quasi la metà (48%) dei rispondenti ha dichiarato che prenderebbe in considerazione l’idea di cambiare la sua posizione lavorativa attuale per una con un salario maggiore ma, di poco sotto, il 38% dei lavoratori italiani intervistati ha dichiarato che lo farebbe per un migliore equilibrio tra la vita personale e quella lavorativa.

Marcello Albergoni

Marcello Albergoni, Country Manager di LinkedIn Italia, ha dichiarato: “Nonostante l’emergenza pandemica globale stia generando non poche incertezze e difficoltà nel mondo del lavoro, i dati a nostro supporto ci mostrano, da un lato, dipendenti sempre più ambiziosi e disposti ad abbandonare un incarico stabile per affrontare nuove sfide e dall’altro le aziende che per adattarsi alla nuova normalità, si focalizzano sempre più su flessibilità del posto di lavoro, attenzione al benessere dei dipendenti e cultura come fattori principali per attrarre i migliori talenti. I nuovi trend come la veloce crescita del settore tecnologico e la nascita di nuove professionalità, sono la risposta alle attuali esigenze del mercato e alla ‘digital transformation’.”

Considerando la significativa percentuale di professionisti italiani che sta valutando un cambio di lavoro nel 2022, LinkedIn Notizie ha inoltre pubblicato l’annuale lista dei Lavori in Crescita che mostra le posizioni lavorative emergenti e aiuta i professionisti a connettersi e a capire dove trovare le opportunità.

Come evidenziato nelle prime posizioni della lista, i lavori emergenti sono l’esatta fotografia delle nuove esigenze del mercato, accelerate dalla pandemia, che seguono la veloce crescita del settore tecnologico.

  1. Ingegnere robotico
  2. Ingegnere del machine learning
  3. Cloud architect
  4. Data engineer
  5. Sustainability manager
  6. Consulente di data management
  7. Analista delle risorse umane
  8. Talent acquisition specialist
  9. Software account executive
  10. Cyber security specialist
  11. Banker
  12. Data scientist
  13. Sviluppatore back-end
  14. Product Manager
  15. Clinic manager
  16. Consulente di vendita al dettaglio
  17. Business developer
  18. Client manager
  19. Gestore degli investimenti
  20. Ingegnere full stack
Michele Pierri

Michele Pierri

La nuova classifica Lavori in Crescita conferma ancora una volta quanto il mondo del lavoro stia cambiando ad un ritmo sempre più veloce, accelerato dai cambiamenti portati dalla pandemia da Covid-19 e da una crescente spinta tecnologica. In questi anni alcuni settori hanno vissuto dei veri e propri stravolgimenti e, allo stesso tempo, molti professionisti hanno scelto di intraprendere nuove carriere. Che si sia in cerca di un nuovo impiego o si voglia cambiare il proprio percorso di carriera, l’obiettivo della classifica che pubblichiamo oggi è quello di offrire ai nostri membri una risorsa utile per orientarsi in questo mercato in evoluzione, guardando più da vicino quale sarà il futuro del lavoro che ci aspetta e comprendendo così dove saranno disponibili opportunità a lungo termine.” Michele Pierri, News editor di LinkedIn Notizie Italia

Global Talent Trends report – Il 10° rapporto annuale di LinkedIn sulle tendenze dei talenti evidenzia come le aziende possono distinguersi e attrarre i migliori talenti in questo mercato competitivo creando una maggiore flessibilità sul posto di lavoro, sostenendo il benessere dei dipendenti e mettendo in mostra la cultura attraverso un forte employer branding.

***

Metodologia 

Indagine condotta da Censuswide, intervistando 1.009 lavoratori in Italia tra il 10.12.2021 – 15.12.2021. Censuswide rispetta e impiega membri della Market Research Society che si basa sui principi ESOMAR.

*I ricercatori di LinkedIn Economic Graph hanno esaminato milioni di lavori avviati dai membri di LinkedIn dal 1° gennaio 2017 al 31 luglio 2021 per calcolare un tasso di crescita per ogni titolo di lavoro. Per essere classificato, un titolo di lavoro doveva vedere una crescita consistente in tutta la nostra base di membri, oltre a raggiungere una dimensione significativa entro il 2021. I titoli di lavoro identici a diversi livelli di anzianità sono stati raggruppati e classificati insieme. Sono stati esclusi i tirocini, le posizioni di volontariato, i ruoli ad interim e i ruoli da studente, e sono stati esclusi anche i lavori in cui le assunzioni sono state dominate da una piccola manciata di aziende in ogni Paese.

 

LinkedIn
LinkedIn connette i professionisti nel mondo per renderli più produttivi e di successo e trasforma il modo in cui le aziende assumono, imparano, fanno marketing e vendono. La nostra visione è quella di creare opportunità economiche per ogni membro della forza lavoro globale attraverso il continuo sviluppo del primo Economic Graph al mondo. LinkedIn ha più di 810 milioni di membri, dei quali 16 milioni in Italia, e uffici in tutto il mondo.