5 atteggiamenti per trasformare un contratto temporaneo in indeterminato

5 atteggiamenti per trasformare un contratto temporaneo in indeterminato 

In Page Personnel sei contratti interinali su 10 si trasformano in assunzioni a tempo indeterminato. I recruiter spiegano quali sono gli aspetti che fanno colpo sui datori di lavoro

Milano, 20 marzo 2018. Se si hanno difficoltà a trovare un posto fisso o se si vogliono espandere le competenze in diversi settori il contesto ideale con cui iniziare è il lavoro temporaneo.

Page Personnel, agenzia per il lavoro parte di PageGroup specializzata nella ricerca e selezione di impiegati e giovani professionisti qualificati, rivela cinque atteggiamenti che potrebbero far trasformare un contratto interinale in un contratto indeterminato, infatti diverse società finiscono per offrire al personale temporaneo una posizione permanente quando il loro contratto iniziale è terminato.

“La grande flessibilità offerta dal contratto in somministrazione, l’effervescenza del mercato italiano ed internazionale e le maggiori competenze dei lavoratori stanno portando oltre il 65% dei contratti di somministrazione di Page Personnel a trasformarsi, al termine del contratto, in assunzioni dirette a tempo indeterminato da parte delle aziende.” – commenta Pamela Bonavita, executive director di Page Personnel “Le figure più stabilizzate sono: addetti al controllo di gestione, customer service sul portafoglio internazionale, assistenti di direzione, addetti alla logistica e analisti finanziari.”

  1. Essere flessibili e adattarsi. Anche se possono sembrare caratteristiche ovvie non bisogna darle per scontate. Se si riesce ad adattarsi alle nuove situazioni con facilità si avranno maggiori possibilità di essere notati come candidati per nuove mansioni o dipartimenti aziendali. Inoltre bisogna vedere sempre il lato positivo dalle richieste, pensando a cosa si può imparare in un determinato contesto lavorativo piuttosto che esser inflessibili sugli orari o pensare al compenso.
  2. Essere in grado di lavorare sotto pressione. È necessario saper dimostrare di essere in grado di lavorare sotto pressione dato che di solito i lavoratori temporanei sono richiesti quando ci sono scadenze da rispettare o un carico di lavoro crescente che il dipartimento non riesce a gestire, per questo è importante essere una risorsa utile per il team affinché venga presa in considerazione la possibilità di diventare una risorsa permanente.
  3. Avere buone doti comunicative. In ambito lavorativo è importante saper comunicare in modo corretto, infatti non bastano solo le doti sul campo ma è necessario anche sapersi presentare bene e farsi apprezzare dai colleghi. Inoltre è consigliato anche saper ascoltare i propri colleghi in modo da riuscire ad entrare più facilmente nel nuovo panorama lavorativo ed evitare errori banali. Molto importante poi ricordarsi degli errori fatti in modo da non ripeterli più, far vedere che si è attenti e che si impara dalle attività svolte.
  4. Essere accurati e trasparenti. Non bisogna mai trascurare la chiarezza delle informazioni date, è necessario instaurare un buon rapporto basato sulla fiducia. Attenzione all’accuratezza con cui si svolge il lavoro: mostrarsi attenti e puntuali, scrivendo, ad esempio, email accurate e senza errori di ortografia.
  5. Diventare indispensabili. È necessario rimanere sempre aggiornati e proporsi per lavorare su nuovi progetti e offrire il proprio aiuto ai colleghi. Farsi vedere, rendersi utili ed essere flessibili sono modi per accreditarsi agli occhi del datore di lavoro.

###

PagePersonnel
Page Personnel, leader nella ricerca e selezione di impiegati e giovani professionisti qualificati su tutto il territorio nazionale, è specializzata nel lavoro temporaneo e nelle diverse tipologie di contratto, a tempo determinato, indeterminato e di somministrazione. Page Personnel con i brand Michael Page e Page Executive è parte di PageGroup, nato nel 1976 e quotato alla Borsa di Londra (FTSE250). Il Gruppo, con oltre 6.000 dipendenti distribuiti in 140 uffici, è presente in 36 Paesi tra: Europa, Asia-Pacifico, America del Nord e del Sud, Africa. In Italia la società dispone di 5 sedi a Milano, Roma, Torino, Bologna e Padova.

site

pubblica un comunicato