Valutazione e talent management. Il contributo metodologico della psicologia

 

Valutazione e talent management

Il contributo metodologico della psicologia

di Laura Borgogni

A distanza di dieci anni, Laura Borgogni propone una nuova edizione aggiornata e integrata dei due precedenti testi sulla valutazione ed il talent management nei contesti organizzativi.

Gli interrogativi e le richieste appaiono oggi più complessi e articolati, gli scenari organizzativi si sono trasformati ed è cambiata anche la prospettiva con cui si guarda la valutazione, sebbene alcuni nodi restino attuali e irrisolti.

Il manuale offre dunque una panoramica aggiornata sulla valutazione, sistematizzando tutti i temi fondamentali: dalle metodologie di descrizione e analisi della posizione alla valutazione del potenziale, fino alle metodologie di sviluppo della persona, con particolare riferimento al coaching.

In particolare, l’attenzione viene richiamata su alcune tematiche centrali: – gli aspetti metodologici:

  • l’importanza che gli strumenti di rilevazione, sia della prestazione che del potenziale, siano costruiti in maniera scientifica, rigorosamente ancorati a modelli teorici e validati scientificamente in modo da ridurre gli errori di valutazione e l’insorgenza di bias di osservazione e giudizio;
  • gli oggetti della valutazione: è fondamentale interrogarsi su quale sia l’oggetto di rilevazione sia nella valutazione della prestazione che nel potenziale;
  • le nuove forme di assessment: da quello virtuale all’assessment del capitale psicologico;
  • la dinamica capo-collaboratore: nel performance management il focus non è solo sulla capacità di valutare ma anche su quella di restituire i feedback, di facilitare il processo di crescita e di sviluppo del collaboratore, con conseguente ed integrata promozione di una cultura che facilita la crescita, il riconoscimento di merito e l’autonomia;
  • la gestione per obiettivi: il modello del goal setting, presente nella letteratura da oltre 20 anni, sembra oggi particolarmente utile per lo sviluppo delle persone e può essere la base per l’avvio di un processo di facilitazione di nuove forme di lavoro (come il lavoro agile);
  • il coaching: inteso sia come metodo per lo sviluppo delle persone che per la promozione del capo nel suo ruolo di guida e di sviluppo del collaboratore.

 

Acquistalo su Amazon Biblioteca HR