LE DONNE E IL MONDO DEL LAVORO IN ITALIA RESISTONO GLI STEREOTIPI DI GENERE

 

Le donne e il mondo del lavoro.

In Italia resistono gli stereotipi di genere

Da un’indagine Jobrapido emerge come sia ancora diffusa la convinzione che ci siano lavori prevalentemente da uomo e lavori da donna. Rimane inoltre la percezione di squilibrio nell’accesso alle opportunità professionali e nel work-life balance.

Milano – 08 marzo 2019. In un paese penultimo nella classifica europea per quanto riguarda la quota delle donne che lavorano, con un tasso di occupazione femminile (49%) ben lontano dalla media europea (62,4%)[1], forse non dovrebbe sorprendere scoprire che gli stereotipi di genere legati al mondo del lavoro faticano a scomparire.

Questo quanto emerge da una recente indagine web condotta in Italia da Jobrapido – leader globale nel campo del job recruiting con oltre 85 milioni di utenti registrati in 58 Paesi, 20 milioni di offerte di lavoro pubblicate ogni mese e 55 milioni di visite mensili – per indagare i temi relativi al gender balance, sia in ambito professionale sia nella gestione degli impegni familiari.

Alla domanda “pensi che esistano lavori in cui gli uomini sono più bravi delle donne e viceversa”, ben il 40% degli oltre 1200 rispondenti ha dato infatti risposta affermativa. Una minoranza certo, ma molto significativa. Ancor più significativa se si considera che le percentuali restano sostanzialmente invariate sia che a rispondere siano uomini o donne, confermando la diffusa convizione di una differenza nelle potenzialità e competenze di ciascuno sulla base di una disparità sostanziale ‘implicita’, che prescinde dalla valutazione dei singoli individui. In altre parole, la strada per superare i cosiddetti ‘implicit bias’ – i pregiudizi impliciti spesso inconsci – in Italia sembra sia ancora lunga.

Una sorpresa positiva invece, viste le premesse e i dati scoraggianti dal mondo dell’educazione[2], viene dalla risposta relativa alla cosiddetta area STEM – acronimo di Science, Technology, Engineering and Mathematics:  solo il 13% dei rispondenti pensa infatti che gli uomini siano più adatti delle donne a lavorare in queste aree e anche in questo caso le percentuali non variano in relazione al genere. Un dato incoraggiante quindi, considerato che la stragrande maggioranza riconosce una parità tra i due generi in settori nel passato tradizionalmente considerati ‘maschili’.

La differenza di percezione emerge invece in maniera netta quando l’indagine si sposta sui temi dell’accesso alle opportunità professionali e del work-life balance.

Se infatti il 58% degli uomini ritiene che il fatto di essere una donna possa incidere negativamente sulle opportunità lavorative e sulla vita professionale, questa percentuale sale addirittura al 72% quando a rispondere sono le donne stesse. Simile l’andamento quando il discorso si sposta sull’equilibrio fra vita privata e vita professionale. Il 56% degli uomini ritiene che questo obiettivo sia più facile da raggiungere per chi appartiene al proprio stesso genere, mentre il 68% delle donne ritiene che per i propri colleghi sia più facile trovare il giusto work-life balance.

La visione torna a essere comune, in maniera incoraggiante, quando si affronta invece il concetto di parità di genere. In questo caso, infatti, tanto gli uomini quanto le donne lo associano nella stragrande maggioranza positivamente all’idea di equilibrio (80% circa). Il 15% dei rispondenti ritiene invece che si tratti di un semplice supporto, mentre solo il rimanente 5% lo identifica addirittura come un vantaggio per le donne.

I dati emersi sembrano suggerire che parte del campione maschile viva, magari solo inconsapevolmente, la discriminazione di genere come un dato di fatto e come un’implicita condizione della realtà sociale, di cui la donna ha tuttavia chiara e quotidiana percezione” ha dichiarato Patrizia Turri, Global VP Human Resources di Jobrapido. “È importante quindi che ci sia una presa di coscienza del fenomeno ed è il motivo per il quale molte aziende, tra cui la nostra, si impegnano in attività e corsi per i dipendenti volti a scardinare gli stereotipi ed i pregiudizi impliciti (implicit bias). L’unico modo infatti per controllare il pregiudizio è prenderne coscienza. Gli stereotipi di genere sono duri a morire, sia in ambito professionale che in quello familiare, e occorre quindi rinnovare giorno dopo giorno l’impegno per la crescita del ruolo femminile e della parità di genere, a partire da noi stessi e a tutti i livelli. La formazione in questo processo diventa quindi un potente alleato” conclude la Turri.

Jobrapido for #BalanceforBetter

Oltre a manifestare attivamente una politica di parità di genere e di opportunità all’interno dell’azienda, attuandola concretamente ogni giorno anche attraverso i propri valori aziendali, nel corso degli ultimi anni Jobrapido ha aderito alle iniziative internazionali legate al Women’s Day, che quest’anno propone il tema #BalanceforBetter, e avviato diverse attività concrete a supporto delle donne per incoraggiare la crescita del ruolo femminile in ambito professionale e personale.

A partire dal 2017 sono stati avviati incontri e percorsi di aggiornamento professionale e di leadership al femminile – intesa come affermazione del proprio ruolo e delle proprie potenzialità a tutti i livelli – molti dei quali aperti gratuitamente al pubblico esterno. Tra le iniziative anche il lancio della community Women in Digital, per sensibilizzare sul tema della presenza delle donne in settori tradizionalmente considerati ‘maschili’, oltre a diverse altre iniziative per manifestare quotidianamente un impegno in questa direzione a supporto del gender balance.

In particolare, per il 2019 sono state pianificate diverse attività tra le quali una survey online in tre paesi europei (Italia, Uk e Netherlands) e diverse occasioni formative – tra le quali un calendario di incontri per sensibilizzare sul tema delle implicit bias e una serie di seminari aperti anche all’esterno per implementare le competenze nel mondo delle tecnologie digitali da parte delle donne.

Questi temi saranno inoltre affrontati nel corso di un evento rivolto a una platea di dipendenti e partner, che si terrà nel pomeriggio del 7 marzo presso la sede milanese di Jobrapido. Filo conduttore sarà #BalanceforBetter, tema centrale della Women’s Day 2019.

Protagoniste di primo piano di questo evento, per commentare i dati emersi dalla survey e portare il proprio prezioso contributo su questi temi, saranno: Ileana Boneschi, operatrice umanitaria di Medici Senza Frontiere, da anni impegnata in prima linea come ostetrica in zone di guerra; Francesca De Giorgi, CIO del ASST Pini CTO, membro del comitato della HIMSS Italian Community, attiva in particolare nella promozione delle attività della community Women in Health IT; Liana Doro, avvocato civilista ed esperta nel diritto di famiglia e nelle sottrazioni e adozioni internazionali per la tutela dei minori, come esempi di forza e responsabilità per affrontare le sfide quotidiane e promuovere attivamente il cambiamento.

[1] Istat – Rapporto annuale 2018
[2] OCSE – Education at a Glance 2017:  i dati sui laureati italiani confermano le differenze tra ragazzi e ragazze nella scelta universitaria. Se, da un lato le studentesse scelgono le materie scientifiche (sono il 60% dei laureati in Scienza Naturali, Matematica e Statistica), le percentuali scendono per la laurea in Ingegneria (31% delle lauree triennali e 27% nella laurea magistrale) e ulteriormente per la laurea in ICT (Information and Communication Technology) (il 21% delle lauree triennali e il 14% di quelle magistrali).

Jobrapido
motore di ricerca di lavoro
Jobrapido è il motore di ricerca di lavoro leader a livello mondiale. Azienda all’avanguardia, Jobrapido sta delineando una nuova modalità nell’online recruitment, per rivoluzionare il modo in cui le persone trovano lavoro. Jobrapido analizza e aggrega le offerte di lavoro sul web, per fare in modo che i candidati possano trovare i lavori in linea con le proprie aspettative. Grazie a una tecnologia pionieristica e a prodotti innovativi, Jobrapido mette in relazione le aziende con i migliori candidati e potenziali lavoratori. Fondato nel 2006, Jobrapido conta ora oltre 20 milioni di lavori pubblicati ogni mese, 35 milioni di unique user mensili e oltre 60 milioni di utenti registrati. Dal suo headquarter a Milano, Jobrapido è presente in 58 Paesi, e aiuta chi cerca lavoro a candidarsi per un ruolo in linea con le proprie aspettative, e chi offre lavoro a trovare il candidato adatto al ruolo. Da aprile del 2014, Jobrapido fa parte di Symphony Technology Group (STG).

pubblica un comunicato


Richiedi servizi HR