Millennials e mondo del lavoro: la parola ai Manager

Millennials e mondo del lavoro: la parola ai Manager

Appuntamento il 20 marzo a Milano

Chi sono i millennial? Che valori hanno? Come gestirli e valorizzarli affinché diano il massimo all’interno delle nostre realtà aziendali?

Federico Capeci, autore del libro #Generazione 2.0, aprirà l’incontro THE MILLENNIAL BIG BANG. DAL VALORE DELLA GENERAZIONE ALLA GENERAZIONE DEL VALORE organizzato da Manageritalia a Milano per il prossimo 20 marzo, presentando una nuova indagine sulle scelte lavorative dei giovani italiani, nuovi collaboratori con motivazioni e valori tali da necessitare un cambio nello stile di leadership dei manager e probabilmente dell’intera dimensione aziendale.

La generazione nata tra la fine degli anni 80 e il 2000, caratterizzata da scolarizzazione elevata, competenze digitali sofisticate, una prospettiva globale e la voglia di innovare, non solo rappresenta un nuovo target di consumatori ma soprattutto una risorsa importante per le aziende, a patto di saperla gestire e valorizzare al meglio.

I dipendenti che oggi hanno tra i 18 e i 30 anni non sono più quelli di una volta. Informali, irrequieti, non badano troppo alle gerarchie.

Ai propri capi i Millennial chiedono continui feedback, anche negativi, sulla qualità del proprio lavoro, «non per farsi dire “quanto sei bravo o no” ma anche per valutare se stessi».

Chiedono condivisione delle visioni e delle strategie dell’azienda.
Il grande nome non conta.
Né le garanzie a lungo termine.

Internet ha abituato i ragazzi al qui e ora. «La flessibilità è insita nei giovani, se cresci con un aereo che si schianta sulle Torri Gemelle mentre guardi la tv sai di non poter contare su nessun diritto acquisito.

Ai ragazzi non importa se ci sia o meno l’articolo 18, a loro importa, qualunque contratto abbiano, di poter avere dei cuscini di salvataggio per garantirsi un progetto di vita».

Quello che chiedono è che l’azienda garantisca una crescita professionale basata sulla meritocrazia, che offra opportunità di carriera e che operi in un settore a cui il candidato è interessato.

La garanzia di uno stipendio alto all’ingresso passa in secondo piano, «i ragazzi chiedono piuttosto un incremento lavorativo basato sul merito».

Quando questo avviene, dice Capeci, «l’azienda potrà beneficiare di un contributo aperto, senza le remore o i timori tipici delle generazioni passate».

Fonte: #Generazione 2.0 –  https://www.manageritalia.it/it/lavoro/lavoro-ragazzi-dai-18-ai-30-anni#sthash.NQa77RMg.dpuf


E sarà proprio Federico Capeci, autore del libro #Generazione 2.0, ad aprire l’incontro:

THE MILLENNIAL BIG BANG

DAL VALORE DELLA GENERAZIONE ALLA GENERAZIONE DEL VALORE

organizzato da Manageritalia a Milano per il prossimo 20 marzo

presentando una nuova indagine sulle scelte lavorative dei giovani italiani, nuovi collaboratori con motivazioni e valori tali da necessitare un cambio nello stile di leadership dei manager e probabilmente dell’intera dimensione aziendale.

Chi sono i millennial? Che valori hanno? Come gestirli e valorizzarli affinché diano il massimo all’interno delle nostre realtà aziendali?

Vieni a scoprirlo il 20 marzo a Milano presso Palazzo Giureconsulti.

Partecipazione gratuita previa registrazione a: milano.segreteria@manageritalia.it

SCOPRI IL PROGRAMMA DELL’EVENTO

CLICCA QUI

 

 

Manageritalia

Manageritalia www.manageritalia.it – (Federazione nazionale dirigenti, quadri e professional del commercio, trasporti, turismo, servizi, terziario avanzato) rappresenta dal 1945 a livello contrattuale i dirigenti del terziario privato e dal 2003 associa anche a quadri e professional. Offre ai manager: rappresentanza istituzionale e contrattuale, valorizzazione e tutela verso la politica, le istituzioni e la società, servizi per la professione e la famiglia, network professionale e culturale. Promuove e valorizza il ruolo e il contributo del management allo sviluppo economico e sociale. 

Oggi Manageritalia associa oltre 35.000 manager: 23.000 dirigenti in attività che lavorano in 9.000 aziende, oltre a 7.000 dirigenti pensionati, 2.000 quadri e 3.000 professional. La Federazione è presente sul territorio nazionale con 13 Associazioni che offrono una completo sistema di servizi: formazione, consulenze professionali, sistemi assicurativi e di previdenza integrativa, assistenza sanitaria ai manager e alla famiglia, iniziative per la cultura e il tempo libero.

site -linkedin -twitter -facebok 

pubblica un comunicato


consulenza di carriera