Il rapporto tra lavoratore e azienda e l’importanza di una gestione strategica delle risorse umane

 

ADV

 

Il rapporto tra lavoratore e azienda e l’importanza di una gestione strategica delle Risorse Umane

di Martina Scandinaro

Le risorse umane con il loro bagaglio di conoscenze e competenze sono dotate di una unicità che genera un vantaggio per l’organizzazione presso la quale svolgono la loro attività lavorativa. La loro importanza strategica, ai fini organizzativi, deve essere alimentata attraverso un’efficace gestione del personale che deve tenere conto anche dei bisogni individuali dei lavoratori.
In questo articolo si cercherà di vedere in che modo viene definito il processo di interazione tra risorse umane e azienda.

Il rapporto tra individuo e azienda viene innanzitutto determinato dalle aspettative reciproche di questi due soggetti. Il lavoratore, nei confronti dell’azienda richiede garanzie a livello contrattuale, esigenze di sviluppo professionale, sicurezza a livello economico e sul luogo di lavoro. Viceversa, l’azienda si aspetta dai propri dipendenti impegno nell’eseguire la propria prestazione lavorativa, senso di appartenenza, lealtà, collaborazione.

Dall’integrazione tra attese ed esigenze dei due attori coinvolti e dalle loro continue interazioni deriva la gestione del personale finalizzata a indirizzare i comportamenti delle risorse umane affinché siano funzionali agli obiettivi organizzativi. Chiarendo il concetto: la gestione del personale non vuole modificare le persone piuttosto migliorare e far crescere le persone, orientare i loro comportamenti per adeguarli all’ambiente lavorativo e ottenere delle prestazioni efficaci.

Alcuni importanti aspetti che il lavoratore deve sviluppare nei confronti dell’azienda sono:

  • l’impegno, ovvero la disponibilità a contribuire agli obiettivi aziendali;
  • l’identificazione, vale a dire quel processo che consente all’individuo di riconoscersi in un gruppo, condividendone i valori, la cultura e la mission;
  • il coinvolgimento, che fa sì che egli si senta parte dell’organizzazione e orienti le sue azioni verso la strategia aziendale.

È evidente che per sostenere/orientare i comportamenti dei dipendenti l’azienda deve riuscire a motivarli, a sviluppare in loro un senso di appartenenza con l’organizzazione. Per far ciò occorre tendere ad una gestione che valorizzi la risorsa umana rendendola elemento chiave per l’organizzazione, sulla quale investire attraverso percorsi di sviluppo.

ADV

I tre elementi sopra elencati vengono sviluppati e alimentati da un’organizzazione che mette in atto dei meccanismi volti a mettere i lavoratori nelle condizioni di lavorare in maniera ottimale; tra questi meccanismi ci sono i processi di:

  • informazione, relativo alla missione aziendale, dunque agli obiettivi e ai risultati che si intendono ottenere ma anche ai compiti da svolgere;
  • formazione, processo di fondamentale importanza per affrontare le esigenze aziendali e i continui cambiamenti che investono il mondo del lavoro, sviluppando nuove nozioni e abilità e arricchendo il bagaglio personale del lavoratore;
  • condivisione di esperienze, conoscenze, competenze tra dipendenti;
  • valutazione, ad esempio delle prestazioni al fine di dare feedback ai dipendenti per un miglioramento e una crescita personale e professionale.

Un sistema di gestione delle risorse umane risulta efficace quando è in grado di aumentare i livelli di coinvolgimento, impegno e performance degli individui, andando così ad intensificare il legame tra individuo e organizzazione.

Al giorno d’oggi, dove troviamo un mondo del lavoro profondamente cambiato e in continua evoluzione (pensiamo allo sviluppo di nuove tecnologie, al processo di digitalizzazione), come si può mantenere un’efficace relazione tra azienda e dipendenti? Il ruolo delle Risorse Umane deve modificare le proprie attività di gestione del personale? Se sì, in che modo?

 

Questo articolo è offerto da:

Martina Scandinaro
Junior HR Recruiter | Formazione e sviluppo delle risorse umane
Sono una Junior HR Recruiter, dottoressa magistrale cum laude in Scienze dell'Educazione degli Adulti e Formazione Continua con un forte interesse per il mondo dell Risorse Umane. Ho discusso una tesi sul percorso di sviluppo dell'individuo all'interno delle organizzazioni poiché interessata ai processi e alle dinamiche di interazione dell’individuo nell'ambiente lavorativo. Durante gli anni universitari e post laurea ho avuto esperienze in ambito di gestione, formazione, ricerca e selezione del personale. Sono in continua ricerca di esperienze formative che mi consentano di arricchire il mio bagaglio di conoscenze e competenze in questo settore.