gestione del conflitto

Soluzioni per HR

Consapevolezza personale nella gestione del conflitto

di Monica Ghirelli – T&D

Sono trascorsi molti anni da quando Ralph H. Kilmann pubblicò i risultati di una ricerca condotta con Ken Thomas, i due ricercatori avevano correlato il Myers-Briggs Type Indicator (MBTI) con il Thomas-Kilmann Conflict Mode Instrument (TKI).

Volevano vedere se certi tratti di personalità persistenti avessero predisposto le persone ad utilizzare determinati modi di gestione dei conflitti più (o meno) di altri. 

In Italia sono pochi i professionisti che integrano TKI in correlazione a MBTI nello sviluppo dei team o per creare un buon clima di lavoro e fiducia tra colleghi.

Per capire l’impatto che i due strumenti hanno nella formazione basta introdurre qualche elemento della ricerca:

– le persone estroverse hanno più probabilità di utilizzare la collaborazione, mentre le persone introverse sono più inclini ad evitarla (correlazione statisticamente significativa). Sembra che la collaborazione richieda energia supplementare nel coinvolgere e interagire con gli altri (condividere idee e discutere preoccupazioni), si parla di estroverso/introverso in termini di energia non di timidezza/disinvoltura nelle situazioni personali. 

– la preferenza di pensiero è legata alla competizione, mentre la funzione di sentimento è correlata all’accomodamento (ancora una volta, come correlazione statisticamente significativa). Si deduce che la preferenza “pensiero” consenta a una persona di mantenere una distanza emotiva dall’altra persona: perseguire le proprie necessità senza preoccuparsi della situazione dell’interlocutore. Come invece il “sentimento” stimoli empatia verso l’altro considerando le esigenze degli altri prioritarie alle proprie.

Ormai da decenni Kilmann continua ad utilizzare entrambi gli strumenti, MBTI + TKI, nei progetti di formazione e di consulenza, in modo che le persone possano diventare più consapevoli rispetto alle preoccupazioni di determinate modalità di reazione in situazioni conflittuali, reazioni che possono manifestarsi in modo troppo o troppo poco incisivo, secondo le preferenze MBTI.

Con questa consapevolezza, le persone possono coscientemente compensare il loro comportamento nella gestione dei conflitti: ad esempio, un introverso può essere consapevole del bisogno di qualche sforzo supplementare per impegnare l’interlocutore in una discussione collaborativa (quando le condizioni necessarie per la collaborazione siano già in atto).

Allo stesso modo, una persona che preferisce sentimento può essere consapevole di dover maggiormente affermare le sue necessità (quando la competizione sia presente nella situazione), quando invece la sua naturale tendenza sarebbe di soddisfare le esigenze di un’altra persona.

Come per MBTI, anche l’uso di TKI favorisce un clima positivo, esplicitando le differenze individuali in modo per nulla valutativo pur facilitando dinamiche critiche come la gestione di conflitti tra colleghi.

Bibliografia consigliata

T&D
Training & Development
T&D Training & Development è una società di consulenza che lavora da anni nel campo dello sviluppo del personale su temi soft, affiancando le aziende nell’individuazione, progettazione e attuazione di piani di sviluppo per il personale di tutti i livelli aziendali, negli ultimi anni T&D si è focalizzata su strategie organizzative che supportino il cambiamento, la riorganizzazione ed il riposizionamento delle risorse umane in parallelo ai cambiamenti economici e di business dei propri clienti. Il punto di forza di T&D è la capacità di lavorare efficacemente sulle dinamiche relazionali, di qualsiasi natura siano ed a qualsiasi livello aziendale: team, livelli inter-funzionali, manager e collaboratori, reti vendita…., lo strumento che permette di gestire al meglio le differenze relazionali è MBTI rappresentato in esclusiva per l’Italia da T&D.

Consapevolezza personale nella gestione del conflitto