gamification

Cosa mi ha insegnato mio nipote sulla Gamification

di Martina Tattini – Cezanne HR

Mio nipote di 4 anni ha imparato ad andare in bicicletta, una nuova abilità che si porta con sé diverse nuove opportunità: potrà giocare con altri bambini che come lui sappiamo andare in bici, fare piccole corse ed escursioni, fortificare la propria resistenza alla fatica… ma soprattutto, ha imparato a fare qualcosa di nuovo, giocando ha acquisito una nuova abilità, un vero artista della gamification. Ora vuole imparare ad usare lo skateboard, è motivatissimo!

La gamification si pone l’obbiettivo di potenziare motivazione, concentrazione, capacità di impegno, e molti altri valori positivi tipici del gioco. In ambito lavorativo, aiuta a tradurre gli obbiettivi di business in sfide e premi che danno grande soddisfazione, riducendo lo stress legato al loro ottenimento.

Ottenere le ricompense implica uno sforzo incredibile: nel caso di mio nipote la gioia di andare in bici è stato il premio più grande (confesso che di fronte ai suoi cedimenti alle prime difficoltà gli è stato promesso che se si fosse impegnato avrebbe potuto cenare guardando i cartoni; forse non è educativo, ma l’ha stimolato a dare il massimo per raggiungere il risultato).

Allo stesso modo all’interno delle organizzazioni: il sistema di ricompensa non deve necessariamente prevedere premi materiali, ciò che conta è che siano apprezzati dai collaboratori e che quindi servano allo scopo di incentivarli e motivarli.

La realtà è che tutti siamo competitivi, in misure differenti certo, ma un po’ di competitività è insita nella natura umana.

Per questo meccanismi di gamification possono avere tanto successo nelle imprese: non si tratta di mettere l’uno contro l’altro, ma di spingere ciascuno a dare il meglio, con effetti certamente positivi sui livelli di produttività.

Un dipendente motivato è un dipendente che svolge il proprio lavoro con maggiore voglia ed entusiasmo, sono i collaboratori più soddisfatti infatti che apportano un contributo maggiore all’interno dell’azienda.

Ciascun essere umano necessità di superare quelli che ritiene essere i propri limiti ogni tanto, così come vedersi riconosciuto il proprio impegno, che il proprio lavoro e talento vengono valorizzati nella giusta misura.

Per questo è fondamentale che i team risorse umane siano in grado di attivare attività di formazione e valutazione efficienti e durevoli.

Mio nipote racconta a tutti gli amici che ora sa andare in bici e vuole che io lo racconti a tutti, è orgoglioso di avere imparato qualcosa di nuovo e questo lo motiva ad imparare ancora ed ancora (d’altronde lo skateboard ha le ruote come la bici, 4 invece che 2… non sarà tanto difficile imparare ad usarlo, no?)

Bibliografia consigliata

Cezanne HR
Con sede centrale a Londra, Cezanne HR fornisce un innovativo software cloud-based per la gestione risorse umane utilizzato da migliaia di utenti in più di 30 Paesi. Amministrazione dei dati, gestione ferie e assenze, pianificazione della formazione e valutazione di competenze ed obiettivi, reportistica sulla forza lavoro e comunicazione aziendale, tutte le funzionalità necessarie per gestire le HR in modo semplice ed efficiente, sfruttando appieno i benefici del cloud. Cezanne HR è presente in Italia con una sede a Bologna e una rete di partner per supportare al meglio i propri clienti su tutto il territorio nazionale.
Website