Uno sguardo al benessere lavorativo

 

ADV

 

Uno sguardo al benessere lavorativo

di Giulia Scandurra

Si parla tanto di benessere lavorativo, soprattutto a seguito del D.Lgs. n. 81 del 2008 il quale ha reso evidente l’importanza di valutare i rischi da stress lavoro-correlato e di promuovere iniziative per correggerli o prevenirli. Le necessità oggi dettate da un mondo del lavoro instabile e in continuo mutamento, spingono ad occuparsi di miglioramento della qualità del lavoro; di sviluppo e gestione delle risorse umane; di responsabilizzazione dei lavoratori circa le capacità che possiedono e che possono spendere all’interno dell’organizzazione di cui fanno parte.

Che cosa si intende per benessere lavorativo?

È un concetto che valuta la qualità della vita lavorativa, ed è un fattore determinante della produttività dell’individuo. Teniamo bene a mente che parlare di benessere lavorativo equivale a parlare di benessere fisico, psicologico e sociale dei lavoratori facenti parte di un’organizzazione, e che quest’ultima è considerata struttura efficiente se al suo interno è dotata di un personale soddisfatto e di un clima sereno e partecipativo (Franco, Gregori, & Marcone M.R., 2012). Il tema del benessere lavorativo si pone all’interno della valutazione dell’importanza che assume, per la salute dei lavoratori, una corretta organizzazione del lavoro e gestione dello stress lavoro correlato. Benessere lavorativo non è solo lo stato soggettivo di coloro che lavorano in un determinato contesto organizzativo, ma l’insieme dei fattori che contribuiscono a determinare la soddisfazione del lavoratore.

ADV

Risorse Umane HR Academy

Che cosa rappresenta il passo in più nella realizzazione del benessere lavorativo?

La chiave per mantenere l’efficacia del funzionamento della forza lavoro è un riflesso della propria soddisfazione nel lavoro e nella vita. Per affrontare benessere e produttività dei lavoratori in modo efficace, una particolare attenzione deve essere rivolta alla salute e alla sicurezza nei luoghi di lavoro (Schulte & Vainio, 2010).

L’analisi dei fattori organizzativi che minacciano la salute del lavoratore, causa di malessere psicofisico, conseguenza di scarsa performance e risultati negativi che si riflettono direttamente nell’organizzazione stessa, viene affiancata parallelamente all’analisi dei fattori biologici, psicologici e sociali. Le singole persone vengono incoraggiate a migliorare la loro salute fisica e mentale e la salute organizzativa iniziava ad essere considerata un valore aggiunto, attraverso l’utilizzo di politiche di prevenzione e promozione della salute stessa (Di Nuovo & Zanchi, 2008)

Verso una nuova prospettiva.

Una prospettiva nuova ed originale che mette insieme aspetti soggettivi ed organizzativi del funzionamento dell’azienda e degli individui all’interno di essa è quella proposta da Rispoli (2001) nell’ambito della psicologia funzionale. In questo approccio l’azienda è considerata come un organismo vivente e la persona come un individuo multidimensionale i cui funzionamenti di fondo (controllo e adeguamento, contatti e condivisione, creatività e conformismo, guidare ed essere guidati, ecc.) trovano parallelismi ed interazioni complesse con i funzionamenti aziendali (tempi, spazi, atmosfere). Nell’organismo-azienda il benessere deve essere riferito a tutti i molteplici aspetti dell’azienda stessa, ai suoi funzionamenti interni e profondi, che ne costituiscono le “radici” del funzionamento, ma che sono intimamente connessi a quelli del singolo lavoratore. Benessere personale e benessere aziendale non si contrappongono, ma si potenziano a vicenda (Rispoli, 2001).

Bibliografia

 

Questo articolo è offerto da:

Giulia Scandurra
Sono specializzanda in Psicologia Sociale, del Lavoro e delle Organizzazioni. L'interesse per il mondo delle Risorse Umane mi ha spinta ad intraprendere questo percorso di studi, ed ogni giorno mi spinge ad accrescere le mie conoscenze e competenze a riguardo, ricercardo sempre opportunità che mi diano la possibilità di acquisire esperienza professionale e che siano, allo stesso tempo, occasione di crescita personale. Credo fortemente che il vero valore aggiunto di un'organizzazione siano le persone e che il lavoro può essere felicità; quel che serve è un atteggiamento positivo e una cura ed attenzione al rapporto tra individuo-organizzazione.