Giovani- riflessioni sul mercato del lavoro

ADV

 

 

Giovani: riflessioni sul mercato del lavoro

di Domenico Saldutto

I giovani costituiscono una risorsa per il nostro paese: questa è la frase che abbiamo sentito ripetere troppe volte.

Certo la generazione dai 18 ai 24 anni e over 25- 35 sono state tra le più colpite dalle ultime crisi, accentuate dopo il 2008 in poi, che hanno costretto 2 milioni di giovani in Italia (dati del 2020), i c.d. neets, ad abbandonare i loro progetti e la speranza di formazione e inserimento lavorativo. Un fenomeno preoccupante in una società dove lo stesso costituisce l’essenza.

La realtà triste e all’armante vede i giovani affrontare un presente confuso e incerto senza che ci siano prospettive (il fallimento dei Centri per l’impiego e successivamente quello dei navigator è sintomatico della situazione).

Ma come si può riuscire ad affrontare questa piaga sociale per ricominciare a credere in un futuro migliore?

La domanda seppur complessa deve trovare risposte concrete, senza giri di parole, partendo dall’ io della responsabilità.

ADV

Servizi HR - PreventiviHR.it

Come mai i giovani non riescono a entrare nel mercato del lavoro non appena terminano i percorsi di studio tradizionali e quali sono i gap che devono affrontare?

In primis i titoli di studio (diploma, laurea, master) non sono la garanzia per poter affrontare il mercato di lavoro aperto esclusivamente a operai o venditori di merci e servizi. Il collegamento tra istruzione e mercato del lavoro è lontano dalle reali richieste dei datori di lavoro. Essi cercano personale affidabile e con esperienza nel settore che propongono.

Per il futuro bisogna rivedere tutti i percorsi di studio e rendere fattiva l’alternanza formazione – lavoro con agevolazioni statali e collaborazione (accettazione) degli imprenditori che così possano crearsi persone con le caratteristiche sopra menzionate.

Per il presente impegnarsi e sviluppare nuove competenze, fare selezioni e concorsi, colloqui con imprese e, dispiace dirlo, accettare lo “sfruttamento” e miseri compensi con la speranza che le proprie capacità ci rendano indispensabili alla crescita di una società civile giusta che guardi alla meritrocazia e non più alla esecrabile raccomandazione.

 

Questo articolo è offerto da:

Domenico Saldutto
Laureato in Scienze dei Servizi Giuridici (Curriculum Operatore Giudiziario) Master in Organizzazione & Human Resources Management Master in Management Junior HR Sales Account Manager Sono una persona appassionata alle dinamiche del mercato del lavoro, energica e determinata. Le competenze che ho sviluppato sono a contatto con il pubblico in ambito legale e delle risorse umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.