Employee Value Proposition

Nuove sfide:

Sviluppare un’ottima Employee Value Proposition!

In un contesto in cui nello svolgere il proprio lavoro le motivazioni intrinseche della persona contano sempre più, sviluppare un’ottima Employee Value Proposition permette di far incontrare le esigenze del lavoratore con quelle del datore di lavoro

di Erika Baldi

Perchè investire nello sviluppo dell’EVP?

Fondamentalmente perchè un’azienda è fatta di persone e la sua riuscita dipende anche dal loro benessere quindi, proprio con l’Employee Value Proposition, coadiuvata da un ben definito sistema di Total Reward, l’azienda si adopera per incontrare i bisogni e le aspettative dei suoi lavoratori: creando un ambiente di lavoro ad hoc, disciplinando la leadership aziendale, sviluppando il rapporto tra colleghi, definendo una retribuzione adeguata e rendendo la persona soddisfatta del ruolo che ricopre.

Quali benefici può apportare questo intervento?

  • Aumento della RETENTION, cioè della forza che un’azienda ha di far rimanere con sé i propri collaboratori migliori. Infatti i dipendenti aziendali, proprio come i clienti, possono scegliere un luogo di lavoro piuttosto che un altro e non necessariamente sono obbligati a rimanerci. Soprattutto se le loro richieste non vengono più ritenute soddisfatte, possono sempre decidere di andare a lavorare per i competitor, perciò è nell’interesse di ogni azienda comprendere se i propri dipendenti sono soddisfatti e i motivi per cui, eventualmente, decidono di andarsene.
  • Incremento dell’ATTRACTION, cioè della forza che un’azienda ha di attrarre talenti in grado di contribuire positivamente alla propria crescita e al raggiungimento degli obiettivi, tramite la condivisione di valori aziendali in linea con quelli del candidato.

consulenza di carriera

Come rafforzare lo sviluppo dell’EVP?

Attraverso l’utilizzo di un Employer Brand Proposition, che consenta di progettare e implementare campagne di Employer Branding. Questo procedimento si sviluppa in diverse  fasi:

  • una prima fase di progettazione, prevede di individuare un pubblico di riferimento e i fattori che permettono di far coincidere i suoi desideri e le sue esigenze con l’Employee Value Proposition. Ad esempio chiedendosi perché quella persona dovrebbe voler lavorare per / con la vostra azienda;
  • una seconda fase prevede l’implementazione degli interventi di comunicazione e marketing necessari per trasmettere il messaggio individuato nella prima fase. Ad esempio con la digitalizzazione e l’integrazione dei social media nella strategia del datore di lavoro;
  • una terza fase prevede di misurare l’efficacia delle azioni intraprese;
  • infine vengono definite eventuali azioni migliorative.

Solo se l’EVP di un’organizzazione corrisponde realmente a quello che la persona apprezza nel suo lavoro, c’è una situazione win to win, in cui tutti i partecipanti ottengono un vantaggio. Il datore di lavoro avrà così motivato il lavoratore affinché faccia il possibile e consideri il proprio lavoro significativo e gratificante.

Bibliografia consigliata

Erika Baldi
Neolaureata in Comunicazione d'Impresa e Politiche delle Risorse Umane, dopo un periodo di praticantato in Consulenza del Lavoro ho deciso di approfondire le mie conoscenze nel campo della Gestione delle Risorse Umane.