Mestieri del futuro

ADV

Servizi HR - PreventiviHR.it

Mestieri del futuro

di Mario Rigoldi

Secondo il Rapporto Annuale 2017 dell’ISTAT, l’Italia è il Paese più vecchio d’Europa e quello con il maggior numero di NEET, ossia di giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni  che non studiano, non lavorano e non frequentano un corso di formazione o di aggiornamento professionale..

Uno dei problemi principali in questa situazione è il mancato adeguamento della formazione rispetto alle trasformazioni del mercato del lavoro e alle nuove competenze richieste.

lo dimostra l’ultimo studio del World Economic Forum, secondo il quale il 65% dei bambini che oggi frequentano le scuole elementari in futuro faranno dei lavori che adesso ancora non esistono. 

Se ci si pensa un attimo, ci rendiamo conto che un qualcosa di simile è già avvenuto….: 10 anni fa nessuno avrebbe mai pensato che dei ragazzi avrebbero potuto guadagnare soldi diventando YouTuberWeb Influencer Social Media Manager. Ma questa volta la rivoluzione sarà ancora più radicale e complessa….. Vediamo perché.

mestieri del futuro, al momento, possiamo solo immaginarli: possiamo fare ipotesi sulla base degli sviluppi delle nuove tecnologie, ma non possiamo prevedere quali strade prenderà il progresso. Chi teme che i robot toglieranno il lavoro all’uomo può stare relativamente tranquillo: le macchine potranno sostituirci solo per i lavori meno qualificati. Ciò vuol dire che per lavorare in futuro non basterà più una formazione di base e forse nemmeno solo una laurea tradizionale, serviranno conoscenze sempre più specifiche in ambito tecnologico.

La tecnologia, infatti, verrà presto applicata ai più svariati ambiti, dall’agricoltura alla medicina, senza considerare il grande bisogno che ci sarà di avere esperti di intelligenza artificialerobotica e cyber security[1]; essere in possesso di competenze/conoscenze digitali sarà quindi fondamentale per non restare fuori dal mercato del lavoro.

Oggi si registra un divario tra le competenze richieste e quelle disponibili, perché tante persone non possiedono queste nuove skills. Mentre i lavoratori cercano di correre ai ripari con i corsi di formazione, gli studenti e i giovani sono ancora in tempo per prepararsi alle future sfide lavorative iniziando sin da subito un percorso di formazione incentrato sulla tecnologia e sul digitale[2].

ADV

Quale formazione serve?

Per preparare in modo adeguato i giovani ai lavori del futuro è necessario cambiare il sistema dell’istruzione sotto questi aspetti:

 – Introdurre la tecnologia e il digitale nelle scuole: i ragazzi devono imparare subito non solo a usare i nuovi dispositivi, cosa che tra l’altro di solito sanno già fare, ma anche a utilizzare un nuovo metodo di pensare e ragionare, volto il più possibile al problem solving.

 Insegnare a lavorare in gruppo.

– Insegnare a gestire le informazioni: i giovani devono imparare subito a gestire una grossa mole di dati e informazioni, usando i nuovi media. Saranno così preparati per i big data di cui tanto si parla.

– Insegnare a lavorare in un ambiente virtuale: il posto di lavoro fisico non sarà più come lo si intende oggi, in quanto si lavorerà molto nel virtuale e da remoto, con la possibilità di connettersi e lavorare con i colleghi nel web.

– Istituire corsi di laurea adeguati: le lauree STEM (Science, Technology, Engineering e Math), già esistono ma vanno ampliate e pubblicizzate. Si deve instaurare un approccio multidisciplinare con lo studio, così da essere capaci poi di applicare le conoscenze digitali in qualsiasi ambito.

In realtà, il principio fondamentale che bisognerebbe insegnare agli studenti di oggi è che devono imparare un mindset più che focalizzarsi su materie specifiche: con il progresso e l’evoluzione continua delle nuove tecnologie, non si può più pensare di studiare, conseguire un titolo e fermarsi a quello, come avveniva una volta. Il concetto chiave per essere sempre pronti a qualsiasi nuova sfida lavorativa è la formazione continua (long life learning): non smettere mai di studiare e aggiornarsi e imparare ogni volta nuovi strumenti per affrontare qualsiasi trasformazione del mondo del lavoro.

Bibliografia consigliata

Questo articolo è offerto da:

Mario Rigoldi
Consulente / Formatore
Mario Rigoldi, 52 anni, Consulente del Lavoro e Aziendale, Formatore iscritto al Registro dei Formatori Professionisti AIF Dal 1990 esercito la libera professione di Consulente del Lavoro e Aziendale, sono iscritto al n. 362 dell’Ordine Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Sassari e mi occupo di ricerca e selezione del personale, valorizzazione delle risorse umane, amministrazione del personale, organizzazione e fiscalità di impresa. Come formatore a tutt’oggi ho svolto oltre 2000 ore di docenza in aula collaborando con le Agenzie e gli Enti Formativi più rappresentativi del territorio e con alcune Agenzie Formative della penisola ( RSO – Milano, Ass.For. Piemonte, ecc); ho partecipato in qualità di relatore a diversi seminari su: “il lavoro al tempo dei social”, “web reputation”, “social recruiting e, networking on line”, “uso dei social network (linkedin e fb) come strumento di ricerca occupazionale”, “soft skills e loro importanza nei processi di selezione del personale”, “la comunicazione come strumento per far crescere la propria attività lavorativa”, “come realizzare un video e come scrivere un articolo”, “l’evoluzione della comunicazione del libero professionista”, ecc. Consulente Tecnico D’ufficio presso il Tribunale di Sassari, ho dato e continuo a dare il mio contributo nelle istituzioni di categoria: attualmente sono tesoriere della Unione Provinciale ANCL (sindacato Unitario di categoria) di Sassari, sono stato Revisore dei conti per due legislature presso l’Ordine Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Sassari, e attualmente sono Presidente del Collegio dei Revisori presso lo stesso Ordine. Ho una laurea in Scienze Giuridiche indirizzo “Consulente del Lavoro” e sono iscritto al corso di laurea magistrale in “relazioni di lavoro” presso l’Universita di Modena/Reggio Emilia dipartimento di economia Marco Biagi. L’attività di formatore, che esercito da 25 anni, si è concentrata su queste discipline: amministrazione del personale; disciplina previdenziale e contrattuale; contabilità; assistenza imprenditoriale; tecniche di ricerca occupazionale; profili normativi, fiscali e previdenziali nella gestione del personale; legislazione del lavoro; disciplina del rapporto di lavoro; contrattualistica-ccnl diritto del lavoro; politiche attive del lavoro; diritto del lavoro e diritto sindacale; assistenza alla stesura business plan; assistenza alla costituzione impresa; consulenza del lavoro, organizzazione e gestione del personale; competenze digitali; economia aziendale.