Il Time Management: una skill della nostra esistenza

ADV

 

 

L’importanza del Tempo

Il Time Management: una skill della nostra esistenza

di Laura Catucci

Intraprendere un cammino spesso può rivelarsi più difficoltoso di quanto possa sembrare. Può rappresentare un inizio, o una strada senza uscita. Non è importante perdersi ma ritrovarsi.

Accade che il nostro intento era quello di darci una nuova grande possibilità ma spesso restiamo intrappolati nella nostra stessa decisione, errata.

Fare i conti con i propri sogni e volerli realizzare scegliendo di camminare a piedi nudi sull’acqua, impegnando tutte le nostre forze mentali col timore di vederli sfumare, o prendere il bivio: quella strada secondaria che non era certo la scelta principale ma che almeno ci mette dinanzi alla realtà.

Tutta la nostra vita si basa su scelte, se ci troviamo qui oggi è perché ne abbiamo prese diverse, alcune saranno state istintive, impulsive, altre ponderate abbastanza, ma tutto porta a delle conseguenze.

È per questo che di errori nella vita se ne commettono tanti, troppi, ma fanno parte della nostra esistenza, del nostro percorso, e spesso dagli errori nascono nuove opportunità.

C’è sempre un tempo per ricominciare: anche quella strada tortuosa senza uscita ci porta a voler cambiare rotta, prima o poi, fare retro-front per andare avanti stavolta, mai più indietro. Saremo più carichi, nel bagaglio avremo maggiore consapevolezza , sentiremo forse molto più il peso addosso, ma sarà il peso dell’esperienza.

Prendere una decisione – che sia in ambito lavorativo o personale – non è cosa semplice, bisogna esser in grado di ascoltare le proprie emozioni, saper gestire le paure e renderle alleate, stabilire i pro e i contro, smettere di procrastinare.

ADV

Tutti possediamo delle soft skills, le inseriamo persino nel nostro Curriculum, no?

Gestione delle emozioni, consapevolezza, pensiero creativo, empatia, pensiero critico, problem solving, gestione dello stress, fanno tutte parte di ciascun individuo, e tutte sono correlate all’esser in grado di reagire alle conseguenze delle nostre scelte.

Vi è capitato di ritrovare (o inserire) su alcuni Curricula come soft skill il “Time Management”?

La gestione del tempo, la capacità di organizzare e pianificare nel rispetto delle scadenze: skill importantissima che rimanda all’esser in grado di controllare e ottimizzare la produttività oltre alle decisioni.

Orientarsi sul giusto percorso da intraprendere non è semplice: la capacità di percorrere nuove strade e rincorrere nuove opportunità rientra nelle soft skills “Spirito di Iniziativa” e “Problem Solving”, mentre il rendersi conto del proprio valore, dell’importanza delle proprie idee, del proprio potenziale rientra nell’ “Autoconsapevolezza”.

Sembra incredibile come possiamo ridurre il nostro essere in delle caratteristiche elencate in un foglio cartaceo (o digitale), il nostro Curriculum, il nostro biglietto da visita.

Tutto quello che abbiamo o non abbiamo fatto finora, scegliere di iniziare, realizzare e definire, di cosa fa parte?

Fa parte della nostra capacità di reagire, di fronteggiare le avversità e di dare valore e colore alle cose, ma prima di tutto fa parte dell’importanza di saper riconoscere e gestire il nostro tempo.

Quante volte ci sarà capitato di guardare l’orologio per sapere l’orario, e dopo qualche secondo di ricontrollare? O quante volte il rumore del ticchettìo delle lancette ci ha infastidito? Tutto dipende da quale prospettiva abbiamo, sempre.

Magari abbiamo avuto l’impressione di avere poco tempo a disposizione perché quello che stavamo facendo ci piaceva e non volevamo quel momento finisse, oppure la sensazione di annoiarci, e quindi quegli istanti per noi non terminavano mai.

La nostra vita, immaginiamola esattamente come una condizione metereologica:
Un giorno c’è sole, un altro piove. Ma cos’è che aspettiamo di vedere poi?

Un arcobaleno dopo la pioggia, un cielo sereno per uscire e per respirare aria nuova. Non si è mai grandi abbastanza per fare grandi cose, e non è mai abbastanza tardi per dare alla propria vita un nuovo “Buongiorno”.

Non fatevi prendere dall’ansia, dalle insicurezze, riconoscete sempre le vostre abilità, non dimenticatevi mai quanto valete e quante sfide avete vinto o affrontato.

Tutto questo ha apportato ancor più valore alla vostra vita e ha consolidato maturità e ragion d’essere.

Siate convinti di quello che avete fatto in precedenza, anche se avete sbagliato, e riprovate a mettervi in gioco, tanto il tempo passerà comunque, così come è passato finora, continuerà a passare, non è mai troppo tardi e il tempo finisce solo quando la vita termina. E fino a quel momento, esiste sempre una possibilità per tutto.

A volte potrà sembrare di camminare a piedi nudi sull’acqua, altre di camminare a piedi nudi sull’asfalto rovente, ma così è la vita.

“Affacciamoci, che fuori dalle nostre paure c’è un panorama bellissimo”.

***

Bibliografia consigliata

Questo articolo è offerto da:

Laura Catucci
HR Recruiter con doti comunicative e di empatia, capacità di team working e organizzative. Ho studiato Economia, parlo inglese, tedesco e francese, costantemente aggiorno la mia formazione seguendo corsi nell'ambito management e della gestione del personale.

altri articoli di questo autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.