Intelligenza artificiale non basti, come ottenere un buon processo di selezione

ADV

 

 

 

Intelligenza artificiale non basti, come ottenere un buon processo di selezione

di Antonio Signorello

Intelligenza artificiale e HR

Il mondo del lavoro nel corso dei vari secoli ha subito sostanziali modifiche, con conseguenze nette come ad esempio la nascita di nuovi mestieri e la scomparsa di altri.

La tecnologia riveste un ruolo fondamentale nei cambiamenti della società odierna, se infatti torniamo indietro di circa 50 anni, molte attività si servivano di carta, penna. Arriva il personal computer nella seconda metà degli anni 90, portando allo sviluppo di molti settori come quello IT.

Parole come progresso, tecnologia contengono anche una componente legata ad angoscia e preoccupazione. Il nuovo allerta sempre un determinato status nella componente interna dell’essere umano.

Perché? Abbiamo la convinzione, soprattutto permane nella generazione dei boomer, che tutto ciò che è innovazione da una parte produce delle conseguenze irreparabili. Un esempio pratico lo possiamo fare con i primi cellulari, i quali se da una parte hanno creato il fenomeno della dipendenza dai social, dall’altra parte ci hanno semplificato la vita.

Il settore dell’Hi–Tech ha subito svariati mutamenti, fino ad arrivare al recente tema dell’Intelligenza artificiale, su cui ancora oggi continuano dibattiti, convegni e estenuanti argomentazioni.

Cosa si intende per AI? Non è altro che un sistema di intelligenza virtuale che tramite l’uso dei software permette di semplificare molte operazioni e/o attività.

Il riconoscimento facciale, le chatbot, navigatori, Maps, ne sono un esempio.

Ogni settore può essere applicazione di AI, perfino nel mondo delle risorse umane, dalla fase di screening, all’organizzazione dei colloqui.

L’uomo partecipa attivamente all’AI, curando attività dove l’intelligenza naturale non è sostituibile, anzi è integrabile.

ADV PreventiviHR.it Il punto d'incontro tra chi Cerca / Offre servizi HR

Come ricercare personale con L’AI

Applicando l’uso di software, alcune attività permettono di ridurre tempi e costi, migliorandone la qualità della nostra vita.

Il settore delle risorse umane, è uno dei contesti in cui applicare i software dell’AI, cosi facendo lo specialista HR, può dedicarsi alla pianificazione ed al monitoraggio di mansioni fondamentali come ad esempio la progettazione della attività da far eseguire proprio al singolo software.

Come ricercare personale qualificato?

ATS: il sistema di tracking già permette di trovare candidati, inserendo parole chiavi o indicatori come il territorio geografico;

Software specifici: permetteranno di individuare in automatico senza l’intervento dell’uomo che per quel specifico ruolo, il candidato adatto;

Video call in differita: da qualche anno alcune aziende, usano il sistema di presentazione del proprio profilo, registrandone i dati ed elementi specifici, come le connotazioni facciali o ancora l’espressione della voce.

Il vantaggio maggiore è costituito dalla precisione con cui possiamo individuare candidati, andandone poi ad indagare le competenze nei colloqui individuali successivi.

Pertanto un buon Recruiter servirà, l’AI andrà ad occuparsi di alcune attività come il preescrining e l’individuazione dei profili.

Altre attività ridurranno le tempistiche come l’invio automatico delle istruzioni ai candidati per il successivo processo di onboarding in sede.

***

Questo articolo è offerto da:

Antonio Signorello
Sono un Digital HR e Psicologo del lavoro iscritto all'Ordine della Regione Sicilia, sostenitore del Digital & dello Smart working. Ad oggi mi occupo di Selezione e Gestione profili ICT. Amo viaggiare fin tanto da creare il Blog "Travelling Sicily". Mi definisco una persona proattiva, empatica e amante delle collaborazioni professionali. Appassionato del mondo delle risorse umane, mi interfaccio continuamente con esperti startupper in tema di new business.

altri articoli di questo autore

 

Bibliografia consigliata:

 

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

One thought on “Intelligenza artificiale non basti, come ottenere un buon processo di selezione | Antonio Signorello

  1. L’articolo tratta il tema dell’intelligenza artificiale nell’HR in maniera piuttosto breve e superficiale. Avrei preferito qualcosa di più approfondito, ma è comunque molto utile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *